Books

The Strega Challenge – “Il cinghiale che uccise Liberty Valance” di Giordano Meacci

IMG_3050

“Cos’è, morire?”, gli ha chiesto Chraww-nisst. E lui, Apperbohr, con tutta la sua arroganza (arroganza, è la parola), con tutta la proterva vanità dei suoi comizi alla radura, la sua superiorità di rvrrn, lui, Apperbohr, non sa cosa dire. […] Con tutta la sua disperata, approssimata, furiosa smania di vivere da rvrrn con i rvrrn e di cambiarli cambiando sé stesso. Lui, per quanto si sforzi, non sa cos’è morire.

p. 412

E’ il 24 luglio, il Premio Strega ha già da diversi giorni proclamato il vincitore (“La scuola cattolica” di Edoardo Albinati, ndr) e ad oggi la sottoscritta non è ancora riuscita a leggerlo.

Sono stata catturata in una radura, a Corsignano, immaginario (ma non troppo) paesello toscano, da un branco di cinghiali. In particolare è stato il cinghiale Apperbohr a catturarmi e trascinarmi nelle pagine del libro finalista “Il cinghiale che uccise Liberty Valance” di Giordano Meacci, edito da minimum fax.

Apperbohr è un cinghiale particolare, dotato della capacità di comprendere il linguaggio umano. Nel libro di Meacci seguiamo quindi le sue avventure e i suoi incontri con gli abitanti del paese: tra tradimenti e bugie, tra innamoramenti e omicidi, scopriamo cose che tutti sospettiamo e sappiamo da sempre ma che raramente ammettiamo a noi stessi.

Eterne costanti come la lotta genitori-figli, il fallimento del matrimonio, la cattiveria dell’essere umano, la guerra dell’uomo contro la natura. E’ tutto ciclico perché la vita si ripete sempre uguale, soprattutto la vita di provincia.

Ma a che servono il passato o il futuro, ai rvrrn? Se, semplicemente non ne hanno cognizione; e già il presente gli si sfalda addosso in una catena di momenti in cui causa ed effetto hann0 il loro bel daffare, per restare vivi.

p. 189

Apperbohr il rvrrn (ovvero cinghiale in cinghialese) ci accompagna in questo viaggio narrato cinematograficamente, in cui ogni capitolo è una scena e ogni scena un piccolo film a sé stante. Uno stile proprio di chi, come l’autore, lavora anche nel mondo del cinema e del cinema stesso è grande conoscitore.

Il titolo, infatti, riprende “L’uomo che uccise Liberty Valance”, western del 1962 di John Ford con John Wayne e James Stewart.

E’ tutto duello. E riguarda l’amore quanto la morte. Vuol dire che la vita si fa a scontro tra due. O non è.

p. 326

Annunci

3 thoughts on “The Strega Challenge – “Il cinghiale che uccise Liberty Valance” di Giordano Meacci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...